La fede e la preghiera

Salmi 9:9 Il SIGNORE sarà un rifugio sicuro per l’ oppresso, un rifugio sicuro in tempo d’ angoscia;
La prova che stiamo attraversando si può trasformare in un’oppressione “tagliente” per la nostra anima aggravata dalle preoccupazioni e dall’angoscia di non farcela.
L’oppressione? un altro “gigante” da combattere! Con quali armi? Non sicuramente con le armi carnali; non siamo chiamati a camminare per la carne, ma per lo spirito. (Rif. Galati 5).
Le armi che dobbiamo prendere sono quelle spirituali che il Signore Gesù Cristo ci ha fatto e ci fa conoscere per mezzo della parola di Dio, e che durante la Sua permanenza terrena ha vissuto con ubbidienza per la gloria di Dio, Suo Padre: fede e preghiera.
La fede, creata e resa perfetta da Cristo, porta a sperare al di là di ciò che umanamente è difficile se non impossibile; che porta a vedere lo stato delle cose umane con la visione spirituale fondata sulla potenza dello Spirito Santo: “né per forza né per potenza ma per il mio Spirito dice il Signore degli eserciti” (rif. Zaccaria- antico testamento)
La fede va alimentata con la preghiera che ci avvicina a Dio, che ci fa immergere nella Sua gloriosa presenza per il nostro Signore Gesù Cristo che si presenta come un rifugio sicuro per l’oppresso che vive un tempo d’angoscia.
La nostra preghiera non sia quella religiosa fatta di parole che partono da un cuoreimage che non ha sperimentato Cristo, ma sia quella che parte da un cuore ripieno dello Spirito Santo; la preghiera ci accompagni in ogni tempo della nostra vita perché stando alla presenza di Dio abbiamo quella forza e quel coraggio per affrontare da vittoriosi ogni prova che attraverseremo.
La fede per credere nelle promesse di Dio e la preghiera per realizzarle!
Il Signore non ci prova al di là delle nostre forze e non ci lascia soli, Lui non ci lascia e non ci abbandona.
Le promesse di Dio si adempiono nella vita di coloro che fanno di Cristo il loro rifugio mediante la fede e la preghiera!

Dio ci benedica

Alex